Chi Siamo

Immaginare la pasta

C’era una volta la pasta. Non la pasta stipata nelle corsie anonime dei supermercati, ma la pasta ‘che fa casa’: quel miracolo quotidiano che prende magicamente forma dall’unione di pochi, semplici ingredienti. Acqua, farina... a volte uova. E calde, sapienti mani di uomo, che plasmano tutto ciò in una formula magica e antica. Per chi viene dall’estero, la pasta fa Italia: per un Italiano, la pasta ‘fa casa’. E a Platina, hanno provato a fare proprio questo, inventando un luogo che è al tempo stesso laboratorio, fucina gastronomica, ristorante e focolare in cui ritrovarsi. Qui la pasta non è cibo, ma un’esperienza da sentire e assaporare con tutti i cinque sensi. Già dalla strada, dietro il vetro, vedi il pastaio che mescola, amalgama, tira una sfoglia che profuma solo a guardarla... Poi entri, ti siedi. Respiri quel tanto che basta per sentirti perfettamente a casa e la pasta continui a vederla e sentirla: è un profumo latente, o una promessa che ti aspetta dietro al bancone, in confezioni che profumano di buono. La saletta di Platina è grande quanto basta per stare comodi e piccola a sufficienza per sentirsi accolti e un po’ abbracciati. Un guscio protettivo e dai toni chiari in cui anche l’attesa ti scalda il cuore. Intanto l’acqua bolle in pentola, qualcuno ti ha già coccolato con un antipasto che spezza la fame senza spegnerla. Poi la pasta arriva, calda, appena impiattata: un arcobaleno di profumi e di sapori. Ed è buona... diamine, se è buona! I ragazzi te la racconteranno come una fiaba, spiegandoti perché qui è tanto speciale: un po’ per il grano, che viene dal mulino di Altamura o da semi speciali, un po’ per i tempi e le temperature di essicazione, che non hanno nulla a che spartire con quelle della pasta da supermercato. E poi ci sono curiosità e creatività, gli ingredienti speciali da cui nascono inediti in cui il gusto si sposa all’arte del viaggio: spaghetti alla chitarra curcuma e limone, tagliatelle al prezzemolo, ravioli che – all’occorrenza – ti sfoderano ripieni imprevedibili. Qui troverete tutto questo, con l’aggiunta di quel calore umano che condisce ogni cosa e fa davvero la differenza. Perché a Platina, la pasta è molto più che un piatto: è il magico filo d’Arianna capace di ricondurti a casa.